top of page
  • Anibio

L'artrosi nel cane

Osteoartrosi nei cani: diagnosi precoce, cause, suggerimenti e liste di controllo


In questa guida forniamo informazioni utili su una patologia, purtroppo, molto diffusa: l'artrosi nei cani.

Come negli esseri umani, anche per gli animali si tratta di una malattia cronica degenerativa delle articolazioni.

Di solito sono colpiti i fianchi, la colonna vertebrale, le ginocchia.

L'artrosi, come molte altre patologie articolari, possono colpire cani di grossa e piccola taglia.

Circa un soggetto su cinque soffre di questa patologia, in forma leggera o più importante.




L'artrosi, e le patologie articolari, si verificano indipendentemente dall'età del cane.

Oltre alla cosiddetta artrosi primaria, che è geneticamente determinata e spesso si verifica senza preavviso nelle razze di cani di grossa taglia, troviamo una forma più diffusa che è la cosiddetta artrosi secondaria.

In molti casi è una conseguenza tardiva di un'infiammazione articolare non riconosciuta o non sufficientemente trattata.


Tuttavia, qualora i sintomi vengano individuati precocemente, è possibile contribuire a una vita sana e limitare il dolore grazie a un'alimentazione adeguata e una corretta integrazione.


1. Suggerimenti per affrontare la quotidianità in modo meno stressante:


Cuccia per cani comoda, possibilmente ortopedica

Gioco moderato ed evitare movimenti troppo bruschi

Cura regolare delle unghie

Pavimenti e scale antiscivolo

Possibilmente ciotole per cibo e acqua sollevate



2. Cause di artrosi


L'artrosi nei cani può avere diverse cause: dall'usura delle articolazioni nei cani anziani ad un sovraccarico di stress fisico nella vita del cucciolo.

Anche il sovrappeso, la cattiva alimentazione e le malattie sottostanti esistenti (come la displasia dell'anca), le lesioni articolari o problemi metabolici sono concause importanti. Altre ipotetiche ragioni le troverai proseguendo la lettura. In ogni caso, consulta il tuo veterinario di fiducia.


3. Informazioni utili: la cozza verde


La cozza verde, originaria della Nuova Zelanda, è estremamente apprezzata quando si tratta di problemi articolari.

Deve la sua popolarità al fatto che contiene glicosaminoglicani (noti anche come GAG) che svolgono prevalentemente funzioni di sostegno e protezione della maggior parte dei tessuti. Essi si trovano anche nel liquido sinoviale.

Inoltre la cozza (grande da 10 a 17 cm circa) contiene acidi grassi omega-3, minerali importanti, oligoelementi e proteine.

La cozza verde è una componente importante di ANIBIO Motum-HD.

La formulazione con il 25% di estratto di cozza verde e il 15% di artiglio del diavolo viene utilizzata per l'approvvigionamento mirato del sistema muscolo-scheletrico.


4. Come riconoscere i problemi articolari nei cani


Non di rado potrai trovare, aiutato dal tuo veterinario, alcuni "segnali" sospetti che dovrebbero metterti in guardia.

Ecco una panoramica dei più importanti:

  • Non gioca più

  • Il cane fa fatica ad alzarsi

  • Le lunghe passeggiate che amava prima, diventano un tormento per lui: dopo pochi metri vuole tornare indietro

  • Ha difficoltà a salire le scale

  • Non può più saltare in macchina

  • Evita superfici dure e fredde

  • Allungarsi-stirarsi diventa difficile a causa del dolore

  • Dopo il sonno o lunghi periodi di riposo, appare particolarmente rigido

  • Difetti posturali evidenti

  • Articolazioni dolorose o gonfie

  • Notevole irrigidimento delle articolazioni: evita certi movimenti

  • Comportamento esitante, come salire le scale senza sforzo

Comportamento e postura:

Svogliatezza, tremori, schiena curva, coda schiacciata, rigidità degli arti e gonfiore delle articolazioni colpite possono inoltre essere segni di problemi articolari.


5. Vita del cane con artrosi: attenzione all'alimentazione!


Sfortunatamente non esiste una ricetta segreta, sicura e preventiva, per evitare del tutto la malattia; ma anche con una diagnosi di "artrosi" non significa necessariamente una vita di sofferenza per il tuo cane.

È importante evitare il sovrappeso e si consiglia una dieta equilibrata, se necessario con l'aggiunta di opportuni integratori alimentari.

Anche i nutrienti, le vitamine, i minerali, gli oligoelementi e gli aminoacidi sono di fondamentale importanza persalvaguardare il metabolismo articolare.




Raccomandazione: solo il tuo veterinario può fare una diagnosi affidabile durante un esame specifico. Non esitate a chiedere parere al vostro veterinario di fiducia.

195 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page